Lo zio Englebert

di Antonio Musotto

Avevo perso il lavoro; il proprietario del negozio di armi che mi aveva assunto tre mesi prima era stato arrestato per una storia di tasse non pagate. Era venuta l’FBI, avevano messo sottosopra l’ufficio e poi se l’erano portato via in manette. Poi un ciccione sudato aveva messo i sigilli alla porta e mi aveva detto “arrangiati”. Io ero rimasto per un po’ appoggiato al palo della luce sul marciapiedi, poi dopo un po’, ero tornato a casa.
Radunai le mie cose nel soggiorno, poi le sistemai in due scatoloni, scrissi un biglietto al padrone di casa che lasciai sul tavolo di formica della cucina, misi le chiavi nel portavaso della pianta finta davanti l’uscio e me ne andai. In strada telefonai a mia madre, che non sembrò sorpresa del fatto che fossi rimasto senza lavoro: mi disse che se volevo, lo zio Englebert aveva bisogno di assistenza medica, e che avrei potuto andare a stare da lui per qualche tempo, in cambio appunto di qualche lavoretto per lo zio. Continue reading

Un caffè dell’altro mondo

di Francesco Randazzo

Uno scherzo che si trasforma nel pretesto per un salto nell’incredibile passato di Pippo Barracane.

“Un caffè dell’altro mondo”, di Francesco Randazzo, racconto vincitore della XII edizione del premio letterario Moak.

[clicca qui per leggere “Un caffè dell’altro mondo” – Formato pdf da 415 KB circa]