Lettera aperta a Litterio Scalisi

Ricevo da Giovanni Piazza, che scrive: “Sìmiu signor Ma.Mi, scosasse se l’addisturbo, arrisicandomi di farci accalare il tuono eleante e allittirato delle alte e allittirate parolesicilianizzanti.sue… mi vulissi appermettere e mi appermetto di coinvolgerla e sconvolgerla in un sorridente tentativo di carizza a quella scuzzitta che Litterio ci farà l’onore di portare a Piazza. Chippoi, paroledisicilia cu quarchi parola in lingua siciliana, è la cirasedda supra la torta, la ricotta supra la pasta a sucu, la crozza supra a lu cantuni etc.etc.etc.
Sabbanadica e graziassà.”
Come dire di no? ma.mi.

Lettera aperta (e mi scordai di ‘nchiuderla, chi cc’è) a Litterio Scalisi, graditissimu ospiti di Chiazza.
di Giovanni Giometrico Piazza.

Pregiatissimu Scalisi Litterio
Aderenze Sig. La Rosa
Paisi (Sicilia Sicula)

Caro Litterio, scrivu a ddu paisi
unni i Scalisi siti a tinchitè
certu ca piccomunque stati misi
a qualcunu l’angagghiu, e sai chi c’è?
Ca si i Scalisi aviti fantasìa
chiddu ca ‘ngagghiu poi la passa a ttia.

Tu certu t’addumanni, ma chi vo’
chistu ca non si sape in virità
mancu di cu ci dìcinu, epperciò
vengo e mi spiego in tutto il trallallà
ca si nun ni capemu allura sì
ca il poi s’ammuccia peggiu d’un pirchì.

Ecco perciò ca scrivo questa mia
(ca chiddi to’ poi ti li scrivi tu)
mannànnuti na qualchi camurrìa
in siciliano ca nun s’usa cchiù,
pirchì sta gioventù bedda e nustrana
pozza parrarlu a capu di simana.

Quella lingua gluriusa e bedda assai,
caro Allitterio, ca ‘nzitò la vita
dei nostri patri, e puru ammenzu ai guai,
azziccata siccomu zitu a zita,
s’assetta nta lu cori e pigghia pignu
dei tempi dei canonichi di lignu.

E se quel siciliano che c’è in te
(non ti scantari, ca sì sempri tu)
arrisultò giassòlo dipersè
la megghiu midicina ca ci fu,
chi meglio di Litterio dei Scalisi
po’ sbummicari siculanzi ‘ntisi?

Ddi siculanzi ca vinennu a Chiazza
sbùmmichi di ribùffitu e riali
a cu t’ascuta e ridi e ti l’abbrazza,
ca si sta vita chianci e sa di sali
quannu di risu l’arma si ncapizza
ridere “insieme” è storia ca si ntrizza.

Ora ti lassu, Litty, e si c’è cosa
diddimmillu, ca fazzu na scappata.
Abbràzzimi d’assà Salvu La rosa
cu Fiamma e Crocifissa Martoriata,
tutta l’Antenna e tuttu ddu paisi.
Ciau Litteriu, ciau beddu, ciau Scalisi.
Giometrico

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *