Bimba Elena, terapista di famiglia

di Mauro Mirci

La querelle sui vaccini, per dirla tutta, mi sembra una cosa dell’altro mondo. Reco ancora, come tutti (tutti!) i miei coetanei, la cicatrice dell’antivaiolosa. Ce l’ho piccolina, quasi invisibile, sul braccio sinistro. Ogni tanto mia figlia ci gioca. Dice: “Ah, signor Mirci, ma che brutta ferita ha sul braccio”. E io: “Ma no, è una cosa da niente; quasi nemmeno si vede.” Ma mia figlia è testarda (c’è chi dice come il padre, c’è chi dice di più) e organizza tutta una terapia di impacchi fatti con tovaglioli bagnati e massaggi per curarmi e rimuovere la quasi invisibile cicatrice. Mia moglia ne ha una, molto più evidente, sulla coscia. Ma nostra figlia non la considera, e in effetti sarebbe antipatico immobilizzare mamma, farle sfilare i pantaloni e riservarle gli stessi trattamenti che riserva a me.

Poi, quando la piccola ne ha avuto abbastanza di somministrare cure mediche, mi chiede perchè abbiamo entrambi queste cicatrici. Continue reading