Antonio Ravi Monica. Zitelle e cornuti

di Luisiana Luzii

Tanti romanzi in un solo romanzo

Burattinaio narratore e manipolatore di destini, l’autore di questo romanzo tira le fila di personaggi tragicomici dal grottesco aspetto, protagonisti di vicende di vita drammatiche che si dipanano stancamente e lentamente ai giorni nostri – così uguali a quelli di cento o di mille anni fa – tra i vicoli polverosi di un paesino che esiste sì, da qualche parte, ma non si sa dove, e che ha un volto del quale non si riescono a distinguere bene i lineamenti, sebbene qua e là spuntino un muretto e qualche ramo di mandorlo fiorito.

La scelta di una non descrizione dei luoghi si contrappone all’accurata rappresentazione fisica e psicologica dei numerosi personaggi: le pallide polpette strizzate da anelli a raffigurare le mani del personaggio caparbiamente dominante del romanzo, ribaltano nell’immediato al lettore l’immagine nitida di un corpo sfasciato e di una mente distorta. L’attenzione descrittiva non si limita alla sola Contessa Mugaci, il personaggio – senza dubbio – di maggiore impatto, ma al quale non si può assegnare il ruolo da protagonista: perché, a fine romanzo, tutti i personaggi sembrano essere primi attori, tutti raffigurati con dovizia di particolari e tutti protagonisti della propria vita, anch’esso un romanzo. E’ questa la forza di “Zitelle e cornuti”: non è un semplice romanzo, ma un assembramento magistralmente orchestrato di tanti romanzi. Storie d’amore mozzate, corruzioni mai punite, segreti squallidi non svelati ma a tutti noti… piccoli, immani e insopportabili drammi che vengono raccontati con ironia e scioltezza. Scioltezza che si riflette nella fluidità dello stile che è uno splendido connubio tra la rappresentazione del vero, quella del verismo verghiano e ancor più, a livello narrativo, dei fratelli Goncourt, e un linguaggio poetico classicheggiante. Il tutto per dare voce romanzesca alla nostra società, così gretta, debole, invertebrata, che si trascina a fatica tra storie di corna, di zitelle – molto più numerose dei cornuti – e di figli voluti e non voluti, di decisioni non prese, dove gli uomini sono tanti deboli Ponzio Pilato e le donne tante forti Maddalene redente, un po’ pentite forse di aver abbandonato la vecchia strada, in un mondo dove i buoni perdono quasi sempre e i cattivi trovano sempre una via di fuga e dove è vero che “i soldi non comprano tutto” ma… quasi.

ZITELLE E CORNUTI
romanzo di Antonio Ravi Monica

ZONA 2006 – pp. 154
Euro 15 – ISBN 88 89702 25 7

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *