In Bretagna

di Angelo Maddalena

Ricevo questo brano del diario di viaggio di Angelo Maddalena e volentieri diffondo. La seconda parte è in siciliano abbastanza stretto, ma nessuna paura: c’è la traduzione. (ma.mi.)
Dici: come stai? Niente, ci ho una sensazione tipo che potrei essere a Parigi a casa di una bella togolese, e invece sono a Pirijac, che pare simile alla parola pirita, pero’ é in Bretagna, ci sono le maree – ora non si vedono che é estate – i topi grossi come i cani lungo la strada provinciale prima di arrivare a Pirijac – ma no ora, d’inverno, quando ci sono le maree -; dicevi in Bretagna, e dove? A casa di un bretone omosessuale che ti ha detto che tu non puoi non andare in Bretagna, che devi conoscere Erik Marchand che sta facendo un progetto di croiser les musiques de la Bretagna e des pays du mediterranee…

E tu ti sei fatto intortare? Dici…: si (con la i un po’ e alla siciliana). E cumu minchia ti sei persuaso dio bammineddru? Non lo so manco io caro mio, lo sai quando ci hai quelle sensazioni di essere dove non devi essere e addirittura sai che c’è un posto dove dovevi essere e non ci sei, tipo la casa della togolese a Parigi? Cioé, lei ti aveva detto che una casa de la resistance sempre te la trovava, dato che tu le avevi detto che stavi andando alla casa de la resistance a Bure, che ci sarebbe stato un festival contro una discarica di scorie radioattive… Ma a te cu minchia ti ci porta, che ti eri sparato quinnici jorna di marcia su Roma a partiri di venaus e ti nnaviatu arricugliutu ccu na carusa terruncella e du cugliuna tanti…

Cu minchia ti cci porta? Ddiu bammineddu…
A cu mi cci porta, nguacchi vorta vi la ie cuntari tutta la storia, di quannu arrivavu a passaggi quasi di notti e notti a Chalonsdanslarue, lu festival di l’artisti di strada, e mi misi a cantari ncapu un parcu e na carusa lu nnumani mi dissi cci vo viniri a la maisonn di la
resistanz ca dda ti ospitanu e po truvari adinzia, e idda ppi dariti prova di serietà accapizzà ccu ttia in autostop, di chalon finu a Joinville, orchi quattrucintu chilomitri, fina lu biglittu di lu trenu si fici rimbursari, e partistivu, faciva un calluuuuu… Ià nenti, chhi vvu ca ti dicu, di la maison di la resistanz, unni canuscisti a lu bretuni, isti a finiri nbretagna, ma nenti, senza sapiri cumu l’a dirigiri ssa danza, na bbili, na vrigogna, n’angoscia, n’accoramentu, ma nenti, dumani ti passa, nun lu vidi ca la vita di li viaggiatura sensa sordi ie fatta accussi, oji ti nni prighi cq ccu du euri t’a fattu quasi quinnici jorna di viaggiari ppi la Francia, e dumani ti nni pinti ppi n’antra mpinta, pero’ ci ha un libru ca vali n’enciclopedia, Les Ritals, di Francosi Cavanna , a cchhi mbirnu ca ié l’amigrazioni, nun ti duna vuci, nun ti duna paroli, sulu suffucamenta, sulu depressioni, ma quannu nisci fori di la panza, ti veni di fari na cuntradanza! Bonanotti va ca tardu s’a fattu, quanti cosi belli t’a scurdatu di diri, ah…..Ia dumani dumani, ora nun gnè timpu di abbillinarini

Traduzione delle seconda parte:

Chi minchia te lo fa fare? Dio bambino…

E chi me lo fa fare, qualche volta vi devo raccontare tutta la storia, di quando arrivai in autostop, quasi di notte e notte a Chalons dan la rue, il festival degli artisti di strada, e cantai sopra un palco e una ragazza, l’indomani, mi disse: ci vuoi venire alla maison de la resistence, che lì ti ospitano e puoi trovare assistenza, e lei, per darti prova di serietà, viaggiò con te in autostop, da Chalons a Joinville, almeno quattrocento chilometri, facendosi rimborsare persino il biglietto del treno, e partiste, faceva un caldooo… E niente, cosa vuoi che ti dica, dalla Maison de la resistence, dove hai conosciuto il bretone, sei capitato in Bretagna, ma niente, senza sapere come dirigere questa danza, una rabbia, una vergogna, un’angoscia, una preoccupazione, ma niente, domani ti passa, non lo vedi che la vita dei viaggiatori senza soldi è fatta così?, oggi sei tutto orgoglioso di essere riuscito a viaggiare attraverso la Francia per quindici giorni con solo due euro, e domani ti scoraggi per un inconveniente, però hai un libro che vale un’enciclopedia, Le Ritals, di Francois Cavanna , ah che inferno [mbirnu, in realtà, significa inverno, ma credo si sia trattato di un lapsus e l’intenzione fosse quella di scrivere nfirnu] che è l’emigrazione, non ti concede voce, non ti concede parole, solo soffocamento, solo depressione, ma quando riesci a sfogarti hai voglia di ballare!

[la traduzione è imperfetta, essendo pressochè impossibile rendere in italiano il gioco di parole dialettale con la rima panza / contradanza. Letteralmente la frase si traduce: “ma quando esce dalla pancia, hai voglia di far la controdanza”. ma.mi.]

Buonanotte, su, perché si è fatto tardi, quante belle cose ti sei dimenticato di dire, ah… Il domani domani, ore non è tempo di avvelenarci.

Nella prima parte, la fine potrebbe risultare di lettura ostica.

Ma a te cu minchia ti ci porta, che ti eri sparato quinnici jorna di marcia su Roma a partiri di venaus e ti nnaviatu arricugliutu ccu na carusa terruncella e du cugliuna tanti…

Ma chi te lo fa ffare, che ti eri sparato quindici giorni di marcia su Roma a partire da Venaus ed eri tornato con una ragazza terroncella e due coglioni così gonfi…

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Una risposta a In Bretagna

  1. angelo maddalena dice:

    grazie mauro, sono quasi commosso, e mi chiedo dove tu sia andato a recuperare questo testo dopo due anni e passa…Se vuoi ti mando il diario un po’ più organico di quei giorni, si intitola Carcassonne…Angelo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *