Al SabirFest le novità di Nulla Die

Giorgio Polo – Amen
“Quando fuggi da una guerra, una speranza, per quanto piccola, è già meglio di niente. È l’unica cosa che ti tiene vivo mentre vedi che molti dei tuoi compagni non ce la fanno. E si perdono per strada. E si perdono in mare. Neppure le capivano, loro, le ragioni di quella guerra. Ma quando c’è da scappare si scappa, senza porsi inutili domande…”
È quanto accade ai quattro piccoli protagonisti del romanzo.
Graziella Atzori, Giorgio Micheli – Senso d’amore sparso
Viaggio in versi a due voci sull’amore. La sua energia divina sale nel corpo dal primo chakra (vortice) coccigeo fino al settimo, posto sulla sommità del capo, che ci collega al Tutto, secondo il Tantra yoga. L’amore sparso ovunque libera dalla solitudine, salva dalla morte.
Silvia Guerini Rocco – Fenomeno Pro Ana
Che cosa c’è di desiderabile nel voler essere anoressiche? Perché tante ragazze si scambiano su internet consigli per raggiungere l’anoressia o una magrezza estrema? E su questi siti si promuove davvero l’anoressia, o si cerca invece supporto per raggiungere una perfezione malata?
Gianfranco Iacono – Due vite, una storia
È possibile che la nostra vita sia un sogno e che i sogni siano realtà. E se fosse tutto un sogno? O lei è nella realtà? Gianni continua a non sognare Anna. E il dubbio lo attanaglia, innamorato com’è.
Alice Julie Giordano – Secolarizzazione e Fondamentalismo
In tema di fondamentalismo, tutti crediamo di saperne abbastanza: leggere questo breve saggio di Alice Julie Giordano, però, ci lascerà spiazzati. Le nostre certezze sull’argomento vacilleranno e, probabilmente, ci appariranno per quello che sono: credenze.
Andrea Chiodi – Tutta colpa del ciclismo
Primo e Silvestro sono fratelli gemelli che, per un curioso caso del destino, sono nati in anni diversi, uno nel 1973 e l’altro nel 1974. Questa differenza anagrafica, apparentemente insignificante, creerà parecchi squilibri nei due ragazzi, inizialmente nel ciclismo, sport che entrambi praticano, e poi nella vita al di fuori dello sport. Soltanto uno dei due diventerà ricco e famoso…
Massimo Pisetta – Rosso Teroldego
Il rosso è per antonomasia il colore del sangue, questa linfa vitale che scorre nelle nostre arterie e viene comunemente associata con un fatto violento o criminale o, di contro, con un’appassionata relazione amorosa. Ebbene, in questo romanzo, il terzo che vede come protagonista il commissario Frizzera, questi due eventi antitetici vanno a intrecciarsi…
Alessandro Moscatelli – Cambi di rotta
“Aveva tracciato linee che salivano e scendevano intorno alla Terra, legando continenti e oceani da est a ovest in un’unica rotta. Aveva incatenato il mondo con le scie dei 737 e l’aveva messo ai suoi piedi. Tutto sembrava possibile”. Max lavora, con una certa insoddisfazione, in un’agenzia di comunicazione; appassionato di vini e di viaggi, procede lungo una rotta in apparenza sicura.
Una mattina, di fronte all’ultimo sgarbo ricevuto sul lavoro…
Mauro Mirci – Chi non sogna un futuro radioso
Una statua. Un soldato seduto con fucile e pallone. Questo vede Lorenzo Nullo in cortile, il primo giorno di lavoro al municipio di Petra Gerace. Non immagina che lo scultore, Michelangelo Scarso, sia anche poeta, pittore naïf e ostinato speculatore edilizio. Le loro vite si incrociano anni dopo.
Plinio Marotta – L’albero della felicità, Inchiesta storica sulla saggezza
La saggezza antica ci dice che la felicità è possibile, ma per raggiungerla dobbiamo lavorare al nostro miglioramento con determinazione, come se stessimo scolpendo, un giorno dopo l’altro, la statua di noi stessi. Il Buddha ci suggerisce di selezionare i nostri pensieri come facciamo con i fiori del terrazzo perché la qualità della mente dipende dai pensieri che essa ospita. I risultati più recenti della ricerca neurobiologica confermano questi punti di vista.
Cesare Bedognè – Ombre d’Europa
Nelle notti evanescenti di Norvegia o per i vicoli d’oltremare di Amsterdam, tra le malie segrete di Praga o nei suburbi sospesi e irreali di Londra: storie di lunghi viaggi in autostop e incontri mancati, di terre di confine e periferie senza nome, di sguardi solo intravisti in un’allucinazione di specchi; di treni e di navi e di strade d’argento che si perdono nelle lontananze del vento, senza alcuna meta o ritorno, verso un sempre inattingibile altrove.

Salvatore Cosentino – Teatro
LE PIETRE INSANGUINATE DI MORGANTINA
Dramma in tre atti.
TRADIMENTU CRAPICCIUSU
Commedia in dialetto siciliano gallo-italico.
Carla Strippoli – #SoloperteGA
Al suo esordio nel romanzo, l’autrice ci parla di un amore ai tempi dell’era digitale. Ma quello virtuale sarà mai vero e reale? “Certo che sì!” risponderà la protagonista, KS, che incontra il suo GA in una chat. Le ore sul pc si dilatano e un incontro innocuo diventa una relazione la cui carica erotica alimenta le fantasie di KS…
Dario Balzaretti – Delitto a scuola
Oreste Ticozzi è commissario in una città di provincia. Appassionato di poesia, passa il tempo nell’ufficio della questura a scrivere versi. Finché gli capita il caso del delitto a scuola. Una professoressa, stimata pura come un agnello, un mattino viene trovata impiccata nei bagni dei maschi. Inizia così per Ticozzi e il suo aiutante Patanè una via crucis di indagini in cerca del colpevole…
Marica Larocchi  – Due fichi e una rosa
Evocata nel corso di sedute medianiche da un curioso quanto disparato gruppetto di sensitivi, che la compagna sterile del Narratore ha reclutato nella speranza di ottenere la grazia di un figlio, la figura di Santa Rita da Cascia acquista su queste pagine intensità e sfumature sorprendenti…
Ivano Mingotti  – Belve
Cinquanta persone rinchiuse in una grande sala al buio. Nessun movente. Nessuna spiegazione.
Il più grande mistero del 2016 finalmente in libreria.

Emanuele Cavarra  – Il disegno delle ombre
Ama la sua Sicilia all’inverosimile, ma la professione di architetto costringe Vincenzo Occhipinti a starle lontano. La scomparsa prematura della moglie e una figlia adolescente da crescere rendono quella distanza ancora più gravosa.
Gian Paolo Passoni – Confessioni di un autistico sentimentale
L’architetto Michele Aglieri, protagonista di Confessioni di un autistico sentimentale, è portatore di un malessere esistenziale che ne ha fortemente condizionato, fin dalla giovinezza, la vita e gli affetti. Quando ormai, non più giovane, si avvia verso una vita di solitudine, incontra Marina una giovane e sfortunata immigrata russa costretta alla prostituzione…
Salvatore Giordano  – A Dio Piacendo
Saggi Nulla Die
Siamo tutti portati a pensare che il nostro sia il tempo della razionalità e della secolarizzazione. Ci appare irrazionale — o fondamentalista o nostalgico — chi si attardi a sostenere posizioni “anacronistiche” o in contrasto con lo spirito del progresso, della laicità e della democrazia.
E invece? Il libro indaga una regione oscura del nostro tempo e del nostro mondo globalizzato che si dice siano il regno del disincanto e della disillusione.
A Dio Piacendo mostra come la modernità non abbia prodotto la secolarizzazione ma il suo opposto: il fondamentalismo…
Salvatore Giordano
Il pesce subaereo, illustrazioni di Emanuele Cavarra
Jerry è il nome di una pesciolina desiderosa di esplorare l’ambiente subaereo e Alice è una bimba appassionata di subacquea.
Il pesce e la bimba si parlano.
E, insieme, cambiano il mondo…
Angela Mastrone  – Oltre i confini del tempo
Attorno a Riccardo che, pur essendo un uomo che si è costruito da solo, non è riuscito a compiere il proprio destino, ruotano emblematiche figure femminili che hanno la funzione di sottolineare ed esasperare le sue inquietudini, i suoi sogni e le tante incertezze esistenziali, incapaci, comunque, di aprire il suo cuore all’amore…

Patrizia Ciribè  – L’idillio tra l’uomo e l’ombra
La vita tranquilla di un palazzotto ligure cela l’ambiguità di due dei condomini che, intrecciando le loro esistenze, svelano gli anfratti delle proprie biografie. Alex Turco, sessantenne, risiede da anni nella città ligure, mimetizzandosi in un modo di vivere apparentemente monotono, ma con un risvolto bieco che si svela pian piano nei flashback del suo passato. Elena, quarantenne…
Matilde Di Franco – La strega del mare
Nella Sicilia del 1600 Crocifissa Madonia è una giovanissima e bella donna. Un diffuso astio popolare e gravi infondate accuse la conducono nelle carceri palermitane del Sant’Uffizio, a un passo dal rogo.
Camilla Rigatti – Stai sempre a bere
Dodici narrative brevissime, dodici territori umani dove il vino assume di volta in volta un significato diverso, segnando un momento di passaggio nella vita dei personaggi, accompagnando e coccolando le loro vicissitudini. Le atmosfere dei racconti si intersecano con alcuni aspetti organolettici e sociali del vino, mentre i protagonisti…
Giovanna Guardiani  – Come salvarsi la vita
Sofì, la quasi quarantenne protagonista del romanzo, si trova ad affrontare un’improvvisa separazione sentimentale. Si accorge di non essere pronta allo strappo. E, pur entrando nel tunnel della disperazione e della distruzione emotiva, sa che la vita offre modi e opportunità per venirne fuori.

Fabio Filippi – Rossi, gialli & altri colori che non posso dire
Cesare ha vent’anni, è un giovane artista che vive in un paesino di provincia. Suona il violino, dipinge e sogna. Ma dopo l’8 settembre 1943 un’intera generazione di giovani si trova a un bivio: deve scegliere da che parte stare. Cesare decide di lasciare tutto e andare in montagna tra i partigiani dell’ottava Brigata Garibaldi…
Paolo Francesco Reitano – Tra Dublino e Piazza Maggiore
Dimmelo, si può?  Tu dalle mille magie e sorprese. Fuggo lontano, mi segui? Li senti i miei passi, sei pronta a correre? Sei forse tu la mia meta? Ne vale la pena?
Domenico Astuti – Incerta la luce delira
Un malloppo sottratto, un regista di film porno in fuga e un professore universitario che si sottrae alla moglie psicanalista, malavitosi violenti e malinconici, un losco produttore di film hard che fa il doppio gioco, alcune attrici porno. Li incontriamo tutti quando sono al limite dell’autocontrollo, sotto il cielo di un’Europa grigia e indifferente.
Cesare Bedognè – L’ultimo viaggio di Albert Camus
In questi taccuini “di viaggio” il rapporto fra interno ed esterno, tra sguardo e paesaggio, tra luce e anima, si fa anche dialogo con alcuni dei grandi autori dell’Occidente: in Patagonia con Jabès, in Nepal con Kafka ed Eraclito, a New York con T.S. Eliot, in Grecia con Albert Camus.
Vincenzo Fiore – Nessun titolo
«Se Dio mi avesse mostrato il futuro venti anni fa, lo avrei deriso e lo avrei sbeffeggiato come si fa con un bambino bugiardo».
Emanuele, uno sconosciuto, irrompe apparentemente per caso nella vita di De Tommasi stravolgendo il corso degli eventi. Chi è davvero Emanuele? Che cosa tormenta De Tommasi? L’incertezza è una voragine sulla quale si muovono i personaggi di questo romanzo, ambientato nella nostra instabile contemporaneità, epoca del tramonto dell’uomo.
Alessio Pecoraro – Romanzo disumano
Un narratore sospeso tra reale e surreale. Una bionda misteriosa. Filo conduttore, una trama che appassiona e incuriosisce. L’Io narrante si trova catapultato dentro un teatro dove una donna misteriosa possiede la chiave di tutto. Un segreto lo legherà alle vicende dell’amico Jorge e a quelle dell’artista Cleo.
Massimo Polimeni – In Sicilia, un’estate
Sullo sfondo è Milano, in primo piano la Sicilia: un viaggio nella terra d’origine che si prolunga fra i ricordi dell’età giovanile.
Un manager e, fra gli altri, una moglie, un professore di liceo, un nostalgico “mal di Sicilia”, ma anche una cosca mafiosa e il mare – uno Jonio più azzurro che mai, mitologico e reale – con indagini di polizia e finanza su traffici internazionali di armi.

@Dantesommopoeta – Paradiso, Inferno e Contrappasso 2.0
Attraversando l’Italia e i social network, DanteSommoPoeta immagina Paradiso e Inferno oggi.
E ironizza sul XXI secolo da più punti di vista: politica, società, calcio, vizi e virtù degli italiani. Gironi e cerchi dell’Inferno sono adattati ai peccati moderni e per il contrappasso 2.0 si può scegliere fra 5 pene alternative. Fra i nuovi peccatori gli insozzatori di bagni pubblici, i fanatici del piercing e…
Sandra Luigia Rebecchi – E adesso statemi a sentire
Una donna si racconta mentre la sua malattia progredisce inesorabile. Nella narrazione l’Alzheimer diviene occasione per i ricordi, forse meno dolorosi, e per gli affetti, che diventano più “visibili”, disincagliati da remore e pudori.
Taggato , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *